AFGHANISTAN, DEIANA (RC-SE); MODIFICARE CAVEAT SIGNIFICA VIOLARE IL MANDATO PARLAMENTARE

“Modificare la natura della partecipazione italiana alla missione Isaf, limitata al National building, significa violare il mandato parlamentare e calpestare la Costituzione. I caveat indicano accorgimenti limitativi alle regole di ingaggio per i nostri militari e sono parte integrante del mandato parlamentare”. Elettra Deiana, esponente di Rifondazione comunista-SE commenta così le precisazioni fatte oggi dal ministro della Difesa La Russa, in merito alle polemiche sollevata dalle dichiarazioni del ministro Frattini su una possibile modifica delle regole di ingaggio in Afghanistan.

“Le affermazioni dei ministri La Russa e Frattini dimostrano che l’Italia ha dato la sua disponibilità alla partecipazione in azioni di guerra. Praticamente – prosegue – ciò che durante il governo Prodi veniva fatto di nascosto, e che noi abbiamo più volte denunciato, ora avverrà alla luce del Sole. Tutto ciò – aggiunge – grazie alla mancanza di una opposizione pacifista all’interno del Parlamento.”.

Roma, 27 maggio 2008

Share Button

Comments are closed.