ABORTO, DEIANA (RC-SE): IN ATTO CAMPAGNA DI CRIMINALIZZAZIONE DELLE DONNE

Chi alimenta la polemica in atto sulla legge 194 cerca ora di sostanziarla con elementi medico-scientifici, ma ottiene come unico risultato quello di svelare la campagna ideologica orchestrata per condizionare l’agenda politica e dare il via ad una campagna elettorale giocata a discapito dei diritti e della libertà delle donne. I medici estensori del documento fanno il paio con l’ateo devoto Giuliano Ferrara che con la sua proposta di moratoria ha aperto una vera e propria campagna di criminalizzazione della donne. – Lo dichiara Elettra Deiana, deputata di Rifondazione Comunista-Sinistra Europea e femminista storica – I continui tentativi di attacco alla legge 194, sempre negati ma assolutamente evidenti, le continue ingerenze della Chiesa nella vita politica italiana, danneggiano le condizioni di vita ed il senso di sé delle donne. La politica – continua Elettra Deiana – invece di essere subalterna alle richieste Vaticane, dovrebbe ribadire la propria autonomia. Chi è interessato alla tutela della vita perché non si occupa della vite concrete di donne e creature? Bisogna promuovere politiche di sostegno ai diritti sociali e aiutare le donne rendendo il lavoro meno precario, il diritto alla maternità sicuro, la casa e i servizi accessibili a tutti, ricostruire e implementare la rete dei consultori familiari che le associazioni femministe e femminili hanno promosso e voluto. La nostra posizione – conclude la deputata di Rifondazione – sarà sempre in difesa del diritto delle donne e degli uomini ad essere responsabili di sé e delle proprie scelte di vita e, per le donne in primis, quello di essere o non essere madri.

Roma 4 febbraio 2008

Share Button

Comments are closed.